Vogliamo continuare a lasciare segni tangibili, messaggi di solidarietà, segnali di pace concreti, a promuovere una cultura alla partecipazione consapevole che possa rappresentare un modello altro, in controtendenza, di stimolo alla formazione delle future generazioni.
Costruire una ‘educazione civile’ significa partecipare alla costruzione di una dimensione sociale e umana del proprio Paese. Tornare a fare educazione civica è fondamentale (soprattutto se con il gusto di farla ‘con’ i ragazzi d’oggi e non d’imporgli i ragazzi di ieri, cioè noi).
Il valore innovativo del progetto consiste in primis nel forte coinvolgimento dei giovani, nella interattività degli strumenti e condivisione dei messaggi. Il progetto è ambizioso ma abbiamo energie, amici, esperienza, entusiasmo e capacità per coinvolgere i giovani e gli alleati.
Ci piacerebbe, in questo tentativo di “impresa sociale”, offrire gli strumenti per esserci, con i piedi ben in terra, ma col cuore in volo. Ci piacerebbe offrire gli stimoli che muovano il desiderio di capire. Pensare a un mondo partecipato con una curiosità nuova.